In occasione della RAW Rome Art Week 2019, la settimana dell’Arte Contemporanea, Micro prende parte all’evento con una mostra curata da Marcella Magaletti, rientrando nell’ambito di carta canta, un ciclo di iniziative in calendario dedicate all’arte grafica e incisoria ideato da Paola Valori.

In mostra al Micro

Inaugurata Il 22 ottobre la mostra “22” di Marco Galletti, in arte K, trova in questa data un numero emblematico e propizio. Ventidue sono, infatti, i Trionfi, detti anche “Arcani Maggiori”, ossia un gruppo di carte dei tarocchi che nascono in epoca medievale come gioco e passatempo di corte. Molti artisti a partire da questo periodo e nel corso del tempo, hanno dedicato ampi spazi alla realizzazione pittorica delle varie figure sibilline dei tarocchi, tra cui artisti influenti come Andrea Mantegna e Sandro Botticelli per giungere fino a tempi più recenti con Salvador Dalì.

K è un giovane artista romano che in occasione della mostra presso il Micro Arti Visive, che resterà aperta al pubblico fino al 27 ottobre, racconta della sua Arte in un’intensa intervista dedicata al mondo enigmatico e affascinante dei tarocchi:

In mostra al Micro

Chi è Marco Galletti come persona in generale e nella vita?

Non saprei, non sono la persona adatta a cui chiederlo. Credo sia semplicemente uno cresciuto in campagna e che disegnava tanto da piccolo. Dopo, Marco l’hanno tirato fuori gli altri e a un certo punto si è trovato di fronte a questa “Arte”. C’è voluto poco per innamorarsene e poi assuefarsi. 

Da dove ha origine il nome “K”?

Sinceramente, era un gioco all’inizio. Un soprannome dato dagli amici. Ma, col tempo, mi sono affezionato e ho cominciato a trovarvi o volerci trovare dei significati. Penso sia più sensato credere nel caos, che nel caso. Ad esempio, ricordo una conversazione con Simone (Loi) riguardo al tatuaggio sul mio braccio destro, mi disse: <<Vedi? Il K di Picche (Arcano minore) rappresenta re David, imperatore celeste, che per estensione si paragona a Il Papa>>.

Cosa diresti dei tarocchi a chi non ne ha mai sentito parlare o non sa come funzionano?

La Papessa . Beth

In genere, li paragono ad un qualsiasi altro strumento creato dall’uomo. Usi un martello per fissare i chiodi, se lo usi per cucinare sbagli o perlomeno ce ne sono di più adatti. Gli Arcani sono uno strumento creato dall’uomo molto tempo fa, ma che non ha mai cambiato il suo codice, non a caso. Se li usi per la loro funzione risultano utili, se volessi usarli per predire il futuro o evocare mostri, sbaglieresti.

I tarocchi – e la rispettiva scelta di rappresentarli – hanno significato affettivo/personale particolare per te?

Hanno sempre avuto una certa attrattiva per me, come per molti altri. Inizialmente si fa l’errore di associarli ad un panorama esoterico, stregonesco, persino satanico. Il che è, ovviamente, ridicolo. Ciascuna delle persone, più istruite, che mi hanno insegnato la loro vera natura ed essenza era per me u amico, un maestro o maestra oppure una persona speciale. Quindi, in tal senso, suppongo si possa dire che ho stretto anche con i Tarocchi un legame “affettivo”

Considerando i tarocchi come “fase di crescita di un individuo”, citando il testo di Marcella Magaletti, si fa riferimento alla tua esperienza diretta o è rappresentativo della vita dell’uomo in generale?

Entrambe. Come ho già detto, sono uno strumento di accrescimento, terapeutico e metacognitivo. Questo potenziale viene messo al servizio dell’individuo nel momento specifico in cui fa ricorso a essi ma, allargando la prospettiva e con una buona conoscenza di questi, il ciclo evolutivo che mostrano può essere applicato anche a un’intera vita. Che poi è la chiave di lettura che ho scelto.

Il Sole – Qof

A quali artisti del presente e del passato fai riferimento per la creazione delle tue opere?

Per quanto riguarda l’illustrazione, La dottoressa Magaletti ha citato Ralf Steadman e Dave Mc Kean, che godono della mia massima stima. Ho anche ammirato le visioni di William Blake o le rappresentazioni Romantiche di Herber James Draper. Tuttavia, non è mia intenzione cosciente imitare o attingere da loro. In realtà, il mio metodo è molto istintivo – caotico, a volte – e non escludo che a livello subconscio la loro influenza possa avvertirsi.

Come descriveresti la tua opera in breve?

Prima ho parlato del potere terapeutico degli Arcani. Per me, il lavoro di elaborazione di ciascun Trionfo – la fase riflessiva, la scelta dei simboli da riportare o le personali esperienze che possa avervi impresso – ha comportato il sacrificio dell’onestà, fungendo da leva per proseguire una ricerca, personale oltre che artistica.

Ad un primo sguardo le opere di K stilisticamente rimandano ad un’atmosfera tipicamente simbolista, da cui emerge un significato puramente spiritualistico. Ricollegandosi, infatti, alle istanze romantiche di Blake, l’arte non rappresenta ma rivela attraverso i segni una realtà: l’opera è come uno schermo diafano attraverso il quale si attua una misteriosa osmosi, si stabilisce una continuità tra mondo oggettivo e soggettivo. Le sue opere sono mirabilmente sospese tra arte e un complesso sistema di lettura a più livelli come l’arte Rinascimentale e matematica di Piero della Francesca, da cui emerge una felicità creativa, una pittura luminosa e profonda. Nel caso delle opere esposte di K si parla di pittura su carta, il cui colore si dispiega con decisione ed intensità e riesce ad incidere scavando nel profondo della materia per emergere, infine, nell’animo dell’osservatore che rimane imprigionato dalle atmosfere cariche e dinamiche delle opere.

Il Bagatto – Aleph

La mostra che rientra nel programma Carta Canta ideato da Paola Valori per le iniziative di Micro resterà aperta al pubblico negli orari di galleria dalle ore 11 alle ore 19 fino a sabato 27 ottobre.

A cura di Paola Valori – MICRO Arti Visive – Roma, Viale Mazzini 1

Info 347-0900625 https://microartivisive.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...